Aldo Rossi e Milano

14,00 €
Tasse incluse

di Alberto Ferlenga, Massimo Ferrari, Claudia Tinazzi
/ english text 


Quantità

Aldo Rossi (1931-1997)
Si laurea al Politecnico di Milano e nel 1959 diventa professore incaricato. Assistente negli studi di Ignazio Gardella e Marco
Zanuso, insegna con Ludovico Quaroni alla Scuola di Urbanistica di Arezzo e con Carlo Aymonino allo IUAV di Venezia. Negli anni, collabora con diverse università americane tra cui la Cooper Union University e l’Institute for Architecture and Urban Studies di New York, Harvard e Yale University. Dopo i primi progetti realizzati in Italia tra cui l’ampliamento della scuola De Amicis di Broni (1970), l’unità residenziale al quartiere Gallaratese di Milano (1973), il Cimitero di San Cataldo a Modena (1978) fino al Teatro del Mondo di Venezia (1979), si afferma oltre i confini nazionali con lavori in Europa, Asia e America. Redattore di
“Casabella Continuità”, ha scritto L’architettura della città (1966) e Autobiografia scientifica (1984), ha diretto la sezione
internazionale di architettura alla Triennale di Milano (1973) e la sezione Architettura della Biennale di Venezia (1983). È stato
nominato Accademico di San Luca nel 1979, insignito del Pritzker Prize nel 1990 e della Thomas Jefferson Medal in Architecture nel 1991. Rossi è noto anche per la sua attività di designer per Alessi, Artemide, Longoni, Molteni, Unifor e per l’opera pittorica e grafica, da sempre legata alla sua attività progettuale.

481 Articoli

Scheda tecnica

autore
Alberto Ferlenga, Massimo Ferrari, Claudia Tinazzi
editore
Solferino Edizioni
anno
2017
pagine
120
copertina
morbida
altezza
22,5 cm
larghezza
16 cm
profondità
0,5 cm
peso
300 gr
ISBN
978-88-98274-12-3